Dopo la cacciata dalla RAI per le note questioni riguardanti l’ex Presidente Del Consiglio, recentemente Luttazzi è stato cacciato anche da La 7, a causa di affermazioni riguardanti Giuliano Ferrara, il che, evidentemente…

…dimostra come, in Italia, la censura sia una grandezza inversamente proporzionale…

Annunci

20 risposte a “

  1. con luttazzi sto perdendo il filo…
    ci sono un sacco di fronti sul campo e ognuno √® a s√®. lui, la7, ferrara, i bloggers…bah

    ot: scendo a MM turati ma solo per l’ebrezza di correre e prendere al volo il 43 o il 94

  2. la scena descritta/incriminata era un p√≤ pesante: tra berlusconi e dell’utri che cospargono con la pioggia d’oro ferrara nudo nella vasca,le defecazioni di previti e la santanch√® in versione sadomaso che li frusta non ci ho trovato nessuno spunto ironico, ma tutto era nel classico stile luttazziano: che poi sia di buon gusto o no,che possa piacere o meno,questo √® solo soggettivo,ma le reti televisive sono tante e si pu√≤ anche cambiare canale..
    quello che certamente non piace a chi pensa di vivere in uno stato democratico e liberale è la censura verso la libera espressione!

  3. Ammetto di non esser stupita di questo “allontanamento”. Ho visto solo un paio di puntate di Luttazzi e non ne ho apprezzato la “fine carica satirica”.
    La7, sempre a parer mio, ha programmi abbastanza ben fatti e pure piuttosto variegati…
    Una domanda: ma non sar√† mica Luttazzi a pisc… sempre fuori dal vaso? E magari a meritarsela pure lui un po’ della cacca che spande qui e l√†?

  4. dunque √® stato cacciato per la “volgarit√†”?

    beh. Ma non √® volgare solo chi dice “cacca”, ci sono svariate forme di volgarit√†:

    per alcune di queste trivialità viene anche richiesto il pagamento di un canone

    Allora forse è la tv che è il regno del triviale
    Solo che in questo regno alcune trivialità sono bene accette
    Altre no

    spider

  5. a me questa cosa di ferrara sa tanto di pretesto… Luttazzi in sei puntate ha sfanculato mezzo mondo, e chiss√† cosa avrebbe fatto nella settima (pare qualcosa sul papa). Volevano fermarlo e hanno preso un motivo a caso.

  6. Non ho mai visto la trasmissione di Luttazzi non avendo la TV, cmq ho letto della battuta ed era veramente disgustosa, certo la volgarità dilaga, ma chi ci rimette, alla fine, sono sempre i soliti, mi sa che Luttazzi torneremo a vederlo solo a teatro!
    (Ho letto bene, no, si parla di Luttazzi o mi sbaglio?!?!!?)

  7. Secondo me ha esagerato un pò..
    Nn mi sembrava satira sinceramente.
    Se fosse stato un SUO spettacolo, in teatro o in piazza ok, ma sei cmq un “addetto” di una stazione televisiva che nn √® di certo di sua propriet√†!
    Avesse almeno detto scomode verità, ma nemmeno quello.
    Questo giro nn lo difendo.

  8. >una stazione televisiva che nn è di certo di sua proprietà

    nessun giornalista è padrone del giornale per il quale scrive, nessun attore è padrone del teatro che lo ospita,nessun scrittore è padrone di una casa editrice, nessun regista è padrone della casa che lo distribuisce

    A mio avviso libertà di espressione significa proprio scardinare il concetto di proprietà del media

  9. Anche se ritengo che farlo fuori sia stato eccessivo (e probabilmente hanno colto la palla al balzo), mi sa che stavolta capisco che abbiano preso provvedimenti. Quando usufruisci del potere che i media ti danno, specie l’arena mediatica che offre una tv nazionale, devi considerare le responsabilit√† che ne conseguono. Tutte le libert√† hanno comunque dei limiti sociali: puoi decidere di valicarli, ma se lo fai devi prepararti a possibili reazioni e conseguenze.

  10. certo, naturalmente, tutto quello che dirai verra’ valutato. Ma del resto quelli della / non conoscevano lo stile di Luttazzi prima di concedergli il programma? erano all’oscuro delle sue forme colorite di espressione?

    Se il problema era dato da una qestione di “forma” bastava un’aspra reprimenda pubblica da parte dei responsabili della rete e una richiesta di scuse ufficiali per l’avvenuta “caduta di gusto”

    Chiudere il programma no

    Ed √® molto rischioso difendere un atto fatto in nome della “tutela della sensibilit√† altrui”.
    Un domani un Mastella qualsiasi o un qualsiasi bersaglio di satira potr√† chiedere che si intervenga perch√® un comico o un giornalista scrivendo delle cose nei suoi confronti “ha urtato la sua sensibilit√†”.
    Spostare la questione dalla sostanza alla forma è solo un modo di rendere socialmente accettabili atti di prevaricazione della libertà di espressione

    spider

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...