Quindi…ricapitolando…si è scoperto che il direttore di RAI Uno, ex membro del partito di Berlusconi, si metteva d’accordo col direttore del Tg Uno, ex dipendente di Berlusconi, nella RAI, riformata secondo la legge fatta da un alleato di Berlusconi, per avvantaggiare le reti di Berlusconi, tutto questo mentre era al governo Berlusconi…

…è incredibile come, nonostante il fatto che la dietrologia sia uno dei più diffusi vizi italiani, certe oscure trame riescano sempre a coglierci totalmente di sorpresa…

Annunci

23 risposte a “

  1. Spero veramente che i fatti ti diano torto… lasciami ancora un minimo di speranza!!!!! 😉 :-))))

    Pensi davvero che qualcuno si stupisca della vicenda Mediaset-RAI????? Allora viviamo davvero in un mondo migliore di quello che ci figuriamo!!!! 😉 :-DDDDDD

  2. Ahh, ora capisco come si fà a diventare DG della RAI a 40 anni !!!

    Ma la RAI non era un covo di comunisti anti-governativi??

    Ipse dixit:
    Io ho portato una moralita’ nuova in politica che non e’ solo non rubare, ci mancherebbe altro, ma mantenere gli impegni che si prendono con gli elettori. Io nei cinque anni di governo ho realizzato il programma per l’80-85%.
    La politica dovrebbe essere la missione piu’ nobile, il piu’ alto atto di carita’ che si dovrebbe fare verso gli altri.

    http://silvioberlusconi.splinder.com/

  3. Allora!
    Questa è dietrologia applicata dai magistrati cumunisti che si sono messi d’accordo all’ultima agape delle toghe rosse.
    E’ evidente.
    Si vergogni! Si vergogni di fare da cassa di risonanza a siffatte vergognose illazioni.
    Che poi le intercettazioni telefoniche non si possono usare, lo avevamo detto all’inizio del gioco.
    Altrimenti portiamo via la Repubblica e con voi non ci giochiamo più.
    Ecco

  4. Amica Autorità, ma non c’eravamo messi d’accordo che noi vi facevamo intercettare Consorte per il caso Unipol e un paio di piazzaioli napoletani per la Mitrockhin e voi ci facevate intercettare un paio dei vostri? come Imprevisti e Probabilità? 😉

  5. E dov’è la sorpresa?
    Il mio senso della sorpresa è stato soppresso anni fa 😦
    Sarei lieta se qualcosa riuscisse ancora a sorprendermi (meglio ancora se in positivo, ma questa è proprio un’utopia)…

  6. Non ci trovo niente di sorprendente e, francamente, neppure niente di così grave. Credi davvero che per farsi concorrenza bisognerebbe sputarsi in faccia e cambiare marciapiede quando ci si incontra? Mettersi d’accordo sul sospendere le pubblicità durante le celebrazione della morte del Papa è un complotto così grave? Non credo che mettersi d’accordo su alcuni aspetti tutto sommato non fondamentali sia così invalidante per la concorrenza, neppure dovrebbe sorprendere.. E non lo dico per difendere Berlusconi che ora sta pure litigando con l’amichetto mio!! 😉

  7. é il famoso ‘impossibile’ a cui possiamo credere. per quanto riguarda l’improbabile… è decisamente improbabile che, finalmente, si sciolga la lobby – pardon, l’Ordine – dei giornalisti che, assieme a tutto il resto, sarebbe anche ora 😉
    buon venerdì, Ub.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...